Scrigroup - Documente si articole

Username / Parola inexistente      

Home Documente Upload Resurse Alte limbi doc  

CATEGORII DOCUMENTE





loading...

BulgaraCeha slovacaCroataEnglezaEstonaFinlandezaFranceza
GermanaItalianaLetonaLituanianaMaghiaraOlandezaPoloneza
SarbaSlovenaSpaniolaSuedezaTurcaUcraineana

BiografiaBiologiaBotanicaChimicaComputerComunicazioneCostruzioneDiritto
EducazioneElettronicaFisicaGeografiaGiochiGrammaticaIngegneriaLetteratura
LibriMarketingMatematicaMedicinaMusicaNutrizionePsicologiaRicette
SociologiaStoriaVarie

LA DIETA CHETOGENICA

nutrizione

+ Font mai mare | - Font mai mic







DOCUMENTE SIMILARE

Trimite pe Messenger

LA DIETA CHETOGENICA

 La Dieta Chetogenica fu studiata per la prima volta nel 1920 come trattamento medico per i bambini malati d’epilessia, e fu in seguito sostituita dai medicinali. Negli ultimi anni è stata ripresa con un certo interesse, soprattutto da quelle persone, come i bodybuilders, che sentono la necessità di smaltire il grasso in eccesso durante i giorni che precedono una gara.Prima di descrivere il funzionamento di questa dieta è necessario comprendere come un alimento è digerito.



LA DIGESTIONE

La fonte principale d’energia per il corpo è rappresentata dai carboidrati.Durante un pasto, l’uomo assume diversi alimenti, costituiti solitamente da carboidrati, proteine e grassi.La digestione ha inizio all’interno della bocca, dove gli enzimi cominciano a scomporre gli zuccheri. Poi il cibo giunge allo stomaco e subentrano altri enzimi e acidi, il cui compito è scomporre i grassi e le proteine. Infine, il cibo passa attraverso l’intestino, dove viene ulteriormente digerito e quindi assorbito all’interno del flusso ematico, per essere così trasportato verso i tessuti.Ciò che non è assorbito e rimane inutilizzato, passa attraverso l’intestino crasso e viene espulso sotto forma di feci.Se ci focalizziamo sui carboidrati, ci rendiamo conto che, ogni volta che li assumiamo nelle sue varie forme, essi saranno assorbiti dall’intestino, e scomposti in glucosio che, in questa forma potrà circolare nel sangue.Ogniqualvolta una persona assume un pasto ricco di carboidrati, l’abbondante glucosio viene usato dal corpo come fonte principale per produrre energia (ATP). Ciò significa che i grassi (immagazzinati o assunti col cibo) non sono la fonte preferenziale di carburante se si segue una tipica dieta 'High-carbs'.Gli organi principali utilizzano glucosio e così fanno i nostri muscoli quando i carboidrati sono la fonte principale d’energia.

L’ INSULINA

Quando il glucosio entra nel sangue, il pancreas viene stimolato a secernere un ormone, l’insulina, il cui compito principale è stabilizzare i livelli di zuccheri nel momento in cui questi aumentano vertiginosamente. Se non intervenisse quest’ormone, il corpo entrerebbe in uno stato d’iperglicemia dopo l’assunzione di un pasto ricco di carboidrati.Un altro compito dell’insulina consiste nella sintesi degli acidi grassi e nel loro immagazzinamento. Quindi, quando i livelli d’insulina sono alti (il che accade circa 2-4 ore dopo l’assunzione di un pasto ricco di carboidrati) il nostro corpo immagazzina i grassi molto facilmente. Inoltre si corre il rischio di trasformare le proteine e i carboidrati in tessuto adiposo, mentre la lipolisi è drasticamente bloccata dalla presenza d’insulina.

LA GLUCONEOGENESI

Durante i normali periodi di digiuno, (3-4 ore tra i pasti) il pancreas secerne il glutagone, un ormone ritenuto antagonista dell’insulina. Il glucagone distrugge il glicogeno immagazzinato nel fegato, incrementando quello disponibile nel sangue per alimentare gli organi (principalmente il cervello, i reni e i muscoli). Dopo un digiuno protratto per 12-36 ore, il glicogeno immagazzinato nel fegato sarà esaurito. Se il digiuno è protratto per troppo tempo, il rischio cui si va incontro è una grave disgregazione muscolare, poiché il corpo comincerà ad utilizzare le proprie proteine per produrre glucosio (una sorta d’autocannibalismo). Questo fenomeno è conosciuto col nome di gluconeogenesi. La ragione per cui il corpo usa le proprie proteine per produrre glucosio è che, durante il lungo digiuno, non sono disponibili quelle proteine che altrimenti sarebbero assunte mediante il cibo.

COME FUNZIONA LA DIETA CHETOGENICA

Cerchiamo ora di comprendere come funziona la dieta chetogenica.La Dieta Chetogenica ha l’obiettivo di ridurre drasticamente l’assunzione dei carboidrati, che non dovrebbero superare il 5% dell’introito calorico totale.L’assunzione dei lipidi, invece, dovrebbe aumentare attorno al 55% e quella delle proteine al 40%Durante la chetogenica, la stragrande maggioranza delle proteine usata per produrre glucosio è fornita dagli alimenti, mentre le preziose proteine cellulari sono risparmiate. In questo modo, la disgregazione muscolare è fortemente ridotta.Dopo circa due settimane il sistema metabolico si adatta a questa situazione e il corpo ridurrà l’utilizzazione delle preziose proteine, affidandosi sulla combustione dei grassi e sui corpi chetonici come fonte preferenziale per produrre energia.I corpi chetonici sono sottoprodotti acidici causati da alti livelli d’ossidazione degli acidi grassi, vale a dire la mobilitazione e la combustione di grandi quantità di acidi grassi come risorsa energetica.Ora è chiaro perché questa dieta è chiamata 'Chetogenica'.Naturalmente, durante una dieta chetogenica il corpo si affiderà anche sui grassi introdotti con gli alimenti. Il corpo userà i grassi assunti col cibo come fonte principale d’energia, assieme ai corpi chetonici prodotti dall’ossidazione, quindi utilizzerà il tessuto adiposo solo se le calorie introdotte sono inferiori a quelle necessarie a mantenere il peso corporeo (metabolismo basale).Se le calorie assunte sono abbastanza inferiori al livello di mantenimento, il corpo sarà forzato a subentrare in uno stato di disgregamento dei grassi, chiamato lipolisi.Naturalmente il corpo necessita di glucosio per alimentare il cervello e gli altri organi, ma questo può essere prodotto attraverso la gluconeogenesi e il cilclo Alanina-Glucosio, che permette di salvaguardare i livelli degli zuccheri, in modo che non precipitino troppo quando l’assunzione di carboidrati è fortemente limitata.La qualità principale di questo tipo di dieta risiede nel fatto che, quando l’assunzione di carboidrati è drasticamente limitata e quella dei grassi fortemente aumentata, il corpo non fa più affidamento sugli zuccheri come risorsa principale d’energia, ma sugli acidi grassi.Ora ci si chiederà com’è possibile che un’assunzione calorica del 55% sotto forma di grassi non ci faccia ingrassare. La ragione è che ciò che rende una persona grassa è l’eccesso calorico, la mancanza d’esercizio fisico o alcune patologie metaboliche.




LA RICARICA DI CARBOIDRATI

Trascorse 12-36 ore dall’inizio della Dieta Chetogenica, il fegato esaurisce le proprie scorte di glicogeno, costringendo il corpo ad utilizzare gli acidi grassi e i corpi chetonici come fonte d’energia.I muscoli, invece, necessitano di glucosio (o di glicogeno immagazzinato) per lavorare al meglio quindi cercheranno di trattenere il prezioso carburante per l’attività fisica. Ma quando i muscoli sono sottoposti ad esercizi intensi, il glicogeno è consumato e non viene rimpiazzato, a causa della bassissima assunzione di carboidrati col cibo. Quindi è necessario includere un periodo di carica dei carboidrati per riempire o saturare i nostri muscoli con il glicogeno, in modo che possano reperire la loro fonte ottimale d’energia. Naturalmente, se non si sta svolgendo un’attività fisica come il bodybuilding, la ricarica non è necessaria, anche se è fortemente raccomandata.

Solitamente i bodybuilders seguono questo tipo di dieta per cinque giorni e mezzo a settimana, mentre per il restante giorno e mezzo seguono una normale dieta ad alto contenuto di carboidrati. In questo modo i muscoli saranno saturati di glicogeno, e, mentre il fegato riuscirà a recuperare le sue scorte perdute e l’insulina sarà secreta in abbondanza, questo periodo di 36 ore non è lungo abbastanza da permettere al corpo di immagazzinare i grassi.



loading...






Politica de confidentialitate

DISTRIBUIE DOCUMENTUL

Comentarii


Vizualizari: 1389
Importanta: rank

Comenteaza documentul:

Te rugam sa te autentifici sau sa iti faci cont pentru a putea comenta

Creaza cont nou

Termeni si conditii de utilizare | Contact
© SCRIGROUP 2019 . All rights reserved

Distribuie URL

Adauga cod HTML in site